venerdì 3 luglio 2009

La Lega e il reato di napoletanità


Questo governo pensa in grande. Hanno idee, e le realizzano anche!
Da oggi in poi milioni di persone che vivono sul suolo italiano, senza permesso di soggiorno, saranno passibili di arresto.
Hanno fatto qualcosa di male? Ma che ce ne frega che hanno fatto, sono clandestini e tanto basta!
Per la prima volta dalle leggi razziali, viene punito uno stato sociale e non un crimine!
Questo è un grande passo avanti.
Berlusconi sta pensando di istituire anche:
-Il reato di pessimismo, basta con questi lamentosi cittadini che non spendono e che rattristano gli italiani!
-Il reato di povertà, a cosa servono stì poveri, che tra le altre cose fanno spendere ai ricchi tanti soldi in aiuti umanitari che potrebbero essere investiti in gnocca.
-Il reato di napoletanità, bisogna fermare i napoletani prima che trasformino tutto ciò che toccano in immondizia!
-Infine, verranno puniti i più indefessi nemici della nazione la feccia della sinistra e i giornali che continuano ostinatamente a non essere d'accordo con il nostro amato Silvio.

6 commenti:

  1. Ecco il ritorno al fascismo senza neanche dover fare la marcia su Roma

    RispondiElimina
  2. la storia si ripete purtroppo....

    RispondiElimina
  3. E purtroppo questo è ciò che gli italiani vogliono. "Per lo meno la Lega ha fatto qualche cosa", mi dicono alcuni colleghi al lavoro. Con tanti saluti alla risposta democratica e culturale che la politica dovrebbe dare ai ragionamenti di stomaco della gente.
    Saluti

    RispondiElimina
  4. ahahah.
    ma non c'è niente da ridere...

    (complimenti, bell'articolo)

    RispondiElimina
  5. ed io che da piccino pensavo che nel 2000 le frontiere sarebbero cadute e i passaporti non sarebbero serviti più...
    tocca ricredersi

    RispondiElimina
  6. Come ti ho risposto sul mio blog la pensiamo allo stesso modo.
    Hanno istituzionalizzato la legge del più forte!

    Cacciare lo "straniero invasore" farà felici molti italiani che hanno smesso di pensare con la propria testa. Ora si sentiranno sicuri e protetti e non penseranno a quelli che sono i veri problemi del Paese.

    Questa è la situazione ideale per la nascita di un regime. La storia non ci ha insegnato nulla.

    Ciao
    http://ilparere.blogspot.com/

    RispondiElimina